School of Sufi Teaching

Scuola Di Formazione Sufi

Istruzione Gratuita Negli Ordini Naqshbandi Mujaddidi Chishti Qadiri E Shadhili

Support the Sufi School
Sufi School is a non-profit charity involved in creating awareness about Sufism and providing authentic Sufi teachings to sincere seekers.

All the teachings are given free of cost and students are not charged for attending our weekly gatherings for teaching, mentoring, discussions and group practices.

Our activities are carried out through voluntary donations. We request you to donate generously to support our work. Any amount of donation to help us to continue this good work will be appreciated and thankfully accepted.

PayPal
Use PayPal to send a donation to the School of Sufi Teaching. You can also add a payment reference.

If you don't have a PayPal account, use
this link to make a donation via credit card.

Amazon Smile
Select the School of Sufi Teaching as your charity on Amazon.

Amazon will donate 0.5% of any purchases you make to us, without any extra cost to you.

Wire transfer
Name: School of Sufi Teaching
Account Number: 11397222
Sort Code: 40-03-16
Bank: HSBC UK
Address: 85 Lewisham High Street, Lewisham, London SE13 6BE
IBAN: GB47HBUK40031611397222
BIC: HBUKGB4140T

Ricordo di Dio (Dhikr)

I maestri Sufi danno rilievo al dhikr (ricordo di Dio), perché su di esso si radicano la fede, la conoscenza e la fiducia del ricercatore mediante la concentrazione della propria attenzione su Dio. Uno dei comandi fondamentali di Dio è di fare il dhikr il più spesso possibile finché non si stabilisca una consapevolezza continua della Presenza Divina. Dio ha rivelato al Profeta Mosè: “In verità, Io – Io solo – sono Dio; non c’è divinità all’infuori di Me, perciò rendete culto a Me solo e siate costanti nella preghiera in modo da ricordarMi!”.(Qur’an 20:14). Questo comandamento del dhikr si è esteso a tutte le generazioni, sebbene le forme di dhikr siano variate col tempo e coi luoghi.

I compagni (r.) del Profeta Muhammad (s.) non praticavano il dhikr come tecnica formale, perché un solo sguardo del Profeta (PBUH) era in grado di elevare la consapevolezza di una persona. Quando gli insegnamenti islamici vennero compilati dopo la morte del Profeta (s.), coloro che cercavano uno stato di ricordo simile a quello conseguito dai compagni trovarono nel dhikr uno strumento cruciale. Essi designarono il dhikr come pratica centrale del Sufismo e si accinsero a identificare le modalità più efficaci di praticarlo.

Il dhikr può essere recitato jalli (a voce alta) o khafi (silenziosamente nel cuore). Alcuni ordini Sufi valorizzano il primo, altri il secondo. Entrambi i tipi di dhikr offrono gli stessi benefici. Essi diferiscono solo nella tecnica. Entrambe le forme trovano giustificazione nella guida data dal Profeta Muhammad (s.). Alcuni ordini fanno il dhikr in piedi, altri seduti in una certa postura e altri in movimento. Gli shaykh hanno introdotto queste varianti per intensificare il dhikr.

Attraverso il dhikr, i maestri Sufi allenano gli allievi a purificare i loro cuori e le loro anime. Il ruolo dello shaykh è di guidare i ricercatori al ricordo originario: renderli capaci di divenire continuamente e spontaneamente consapevoli della Presenza Divina negli aspetti fisici, mentali ed emozionali della vita, nel dominio esteriore e interiore.

Ricordare Dio durante tutta la vita quotidiana è molto più prezioso che fare periodicamente mostra di rimembranza. Il dhikr non è una cerimonia. È il vero scopo della vita. Chi ricorda Dio trova la felicità; chi dimentica trova solo desolazione. La dimenticanza è la forza pietrificante che trasforma un albero in una roccia. In contrasto, attraverso il dhikr l’aspirante ottiene la misericordia di Dio e degli angeli, la purezza dello spirito e l’ornamento dell’anima. Il progresso si fa rapido e il ricercatore si accosta all’Onnipotente, perché Dio ha detto: Ricordatevi di Me e Io mi ricorderò di voi. (Qur’an 2:152).

Total
0
Shares
Indietro

Realizzazioni sul sentiero

Avanti

Meditazione (Muraqaba)

Messaggi correlati
Leggi di più

Le pratiche

La meta del Sufismo è lo sviluppo di alcune nobili qualità come la purificazione del sé, la purificazione del cuore, le buone maniere morali, la condizione di fare ciò che è bello (ihsan), la vicinanza a Dio, la conoscenza (ma’rifa),…
Leggi di più

Centri sottili di consapevolezza (Lata’if)

Si pensa generalmente che il corpo umano contenga un solo centro sottile di consapevolezza: la mente o cervello. Ma i più antichi Sufi, attraverso le loro esperienze spirituali, scoprirono altri centri di percezione o sensi interni che chiamarono lata’if (singolare: latifa). Conclusero inoltre,…
Leggi di più

Dove altri finiscono lą segna il nostro inizio

Indiraj al-nihayat fi’l-bidayat, che significa “dove altri finiscono là segna il nostro inizio”, è espressione usata nell’ordine Naqshbandi-Mujaddidi per descrivere una sequenza peculiare di pratiche spirituali. Introdotta dallo Shaykh Baha’uddin Naqshband (r.a.) nel quattordicesimo secolo, è una tecnica ideata per aiutare a…
Leggi di più

Trasmissione spirituale (Tawajjuh)

Molti studiosi considerano come una forma di trasmissione spirituale i tre abbracci dell’angelo Gabriele (as) durante la prima rivelazione al Profeta (s.). Possiamo concluderne che la conoscenza che Gabriele (as) ha apportato da Dio è iniziata con una trasmissione spirituale.…