School of Sufi Teaching

Scuola Di Formazione Sufi

Istruzione Gratuita Negli Ordini Naqshbandi Mujaddidi Chishti Qadiri E Shadhili

Support the Sufi School
Sufi School is a non-profit charity involved in creating awareness about Sufism and providing authentic Sufi teachings to sincere seekers.

All the teachings are given free of cost and students are not charged for attending our weekly gatherings for teaching, mentoring, discussions and group practices.

Our activities are carried out through voluntary donations. We request you to donate generously to support our work. Any amount of donation to help us to continue this good work will be appreciated and thankfully accepted.

PayPal
Use PayPal to send a donation to the School of Sufi Teaching.

A PayPal account is not mandatory, credit cards are accepted as well.

Amazon Smile
Select the School of Sufi Teaching as your charity on Amazon.

Amazon will donate 0.5% of any purchases you make to us, without any extra cost to you.

Wire transfer
Name: School of Sufi Teaching
Account Number: 11397222
Sort Code: 40-03-16
Bank: HSBC UK
Address: 85 Lewisham High Street, Lewisham, London SE13 6BE
IBAN: GB47HBUK40031611397222
BIC: HBUKGB4140T

Realizzazioni sul sentiero

Le ricerche di coloro che viaggiano sul sentiero Sufi sono di ordine pratico e personale, non teorico, e le risultanti realizzazioni sono difficili da trasmettere in parole.

Tra le prime realizzazioni degli allievi c’è la consapevolezza di una dimensione trascendente. Intravedendo aspetti dell’universo che sono inaccessibili all’intelletto, ricevono un assaggio di qualcosa al di là dei fenomeni materiali. Una nuova visione della realtà comincia ad influenzare le loro vite e i loro pensieri.

Man mano che si risvegliano il cuore e le altre lata’if (centri sottili di consapevolezza), la comprensione di sé si approfondisce. La mente razionale si espande e i ricercatori acquisiscono l’illuminazione necessaria alla possibilità di vedere tutti gli aspetti dell’esistenza in una prospettiva appropriata.

Gli allievi che continuano diligentemente e svolgere le pratiche possono ottenere un’esperienza personale delle seguenti asserzioni:

  1. Il mondo fenomenico della materia e la coscienza individuale sono solo una parziale realtà.
  2. L’essere umano ha un altro sé diverso dal sé empirico: l’eterno sé.
  3. Si può avere esperienza diretta del Divino attraverso un’interiorità attentamente nutrita, che è superiore alla ragione e all’intelletto da soli.
  4. Perseguendo fedelmente una disciplina con una guida accreditata, si può identificare il proprio sé limitato col vero sé.

Oltre un certo punto, le realizzazioni diventano inseparabili dal modo di essere della persona. Diventa chiaro agli allievi che gli esseri umani non sono meramente schiavi dell’istinto, ma hanno un impulso ad esprimere valori più elevati e una volontà capace di controllare le loro azioni. Come gli allievi diventano capaci di vedere la Divina Presenza in ogni cosa, riescono meglio ad afferrare il significato della vita umana – sia delle loro vite individuali che del destino collettivo dell’umanità. Punti di vista ristretti ed egocentrici lasciano la strada a una prospettiva più ampia, incoraggiando gli allievi a fare di ogni pensiero, parola e atto una forma di ‘ibdda (culto) e khidma (servizio). Si avvicinano a uno stato di desiderio consapevole del bene, perfino in situazioni in cui non c’è vantaggio personale o vi sono forti pressioni.

Sapendo con certezza che ogni cosa è governata dalla volontà di Dio, i ricercatori apprendono a dipendere da Dio, ad essere pazienti e accettanti. Attraverso le pratiche possono anche ricevere la conferma che c’è vita dopo la morte. Quando riconoscono che questo mondo è preparazione per quello futuro, sono ulteriormente ispirati ad adottare uno stile di vita più pio e virtuoso.

Il Sufismo è un viaggio dall’interiore all’esteriore. Realizzando il sé, il ricercatore realizza Dio. Realizzando Dio, il ricercatore diviene altruista. Passo dopo passo, il suo essere precedente viene trasformato, finché per la grazia di Dio può raggiungere il fana’ e il baqa’: l’esperienza di unificazione, o di essere annullato o consumato nel Divino, di conformarsi in e con l’Onnipotente.

L’esperienza di unificazione non è la realizzazione finale del viaggio Sufi. Coloro che raggiungono questo stadio ritornano da esso ad assistere gli esseri loro compagni. Essi stanno con Dio e in questo mondo simultaneamente, traducendo la vicinanza che avvertono col Creatore in servizio verso la creazione. Si mantengono sintonizzati, pronti ad adempiere i doveri e le responsabilità che Dio presenta nella vita di ogni giorno. Il mondo è come un laboratorio gestito da Dio, e il Sufi al più alto stadio di realizzazione è un lavoratore, che si applica a svolgere il proprio ruolo nel miglior modo possibile, affidandosi sempre alla misericordia e alle benedizioni di Dio.

Total
0
Shares
Indietro

Naqshbandi

Avanti

Ricordo di Dio (Dhikr)

Messaggi correlati
Leggi di più

Le pratiche

La meta del Sufismo è lo sviluppo di alcune nobili qualità come la purificazione del sé, la purificazione del cuore, le buone maniere morali, la condizione di fare ciò che è bello (ihsan), la vicinanza a Dio, la conoscenza (ma’rifa),…
Leggi di più

Centri sottili di consapevolezza (Lata’if)

Si pensa generalmente che il corpo umano contenga un solo centro sottile di consapevolezza: la mente o cervello. Ma i più antichi Sufi, attraverso le loro esperienze spirituali, scoprirono altri centri di percezione o sensi interni che chiamarono lata’if (singolare: latifa). Conclusero inoltre,…
Leggi di più

Dove altri finiscono lą segna il nostro inizio

Indiraj al-nihayat fi’l-bidayat, che significa “dove altri finiscono là segna il nostro inizio”, è espressione usata nell’ordine Naqshbandi-Mujaddidi per descrivere una sequenza peculiare di pratiche spirituali. Introdotta dallo Shaykh Baha’uddin Naqshband (r.a.) nel quattordicesimo secolo, è una tecnica ideata per aiutare a…
Leggi di più

Trasmissione spirituale (Tawajjuh)

Molti studiosi considerano come una forma di trasmissione spirituale i tre abbracci dell’angelo Gabriele (as) durante la prima rivelazione al Profeta (s.). Possiamo concluderne che la conoscenza che Gabriele (as) ha apportato da Dio è iniziata con una trasmissione spirituale.…