School of Sufi Teaching

Scuola Di Formazione Sufi

Istruzione Gratuita Negli Ordini Naqshbandi Mujaddidi Chishti Qadiri E Shadhili

Support the Sufi School
Sufi School is a non-profit charity involved in creating awareness about Sufism and providing authentic Sufi teachings to sincere seekers.

All the teachings are given free of cost and students are not charged for attending our weekly gatherings for teaching, mentoring, discussions and group practices.

Our activities are carried out through voluntary donations. We request you to donate generously to support our work. Any amount of donation to help us to continue this good work will be appreciated and thankfully accepted.

PayPal
Use PayPal to send a donation to the School of Sufi Teaching.

A PayPal account is not mandatory, credit cards are accepted as well.

Amazon Smile
Select the School of Sufi Teaching as your charity on Amazon.

Amazon will donate 0.5% of any purchases you make to us, without any extra cost to you.

Wire transfer
Name: School of Sufi Teaching
Account Number: 11397222
Sort Code: 40-03-16
Bank: HSBC UK
Address: 85 Lewisham High Street, Lewisham, London SE13 6BE
IBAN: GB47HBUK40031611397222
BIC: HBUKGB4140T

Meditazione (Muraqaba)

L’esperienza fatta nel corso dei secoli ha mostrato che la muraqaba conduce a tutti gli stadi della perfezione. Per questa ragione, sebbene gli shaykh del nostro Ordine eseguano anche dhikr (invocazioni che evocano il ricordo di Dio), durud (suppliche per la benedizione sul Profeta [§]) e recitazioni, la muraqaba è la componente più importante del loro lavoro interiore.

L’origine della muraqaba risiede nel detto del Profeta Muhammad [§]: “Adorate Allah come se  Lo steste vedendo, e, se non Lo vedete, sappiate che Egli vi sta vedendo”. Letteralmente, muraqaba significa attendere e assicurare o proteggere. Usato come termine tecnico Sufi, il significato di muraqaba è ritirarsi per un certo tempo dagli stimoli esterni del mondo con l’intenzione di alimentare la guida spirituale che il ricercatore ha ricevuto dal suo Shaykh. Un altro modo di spiegarlo è che nell’essere interiore dell’uomo vi sono dei centri sottili di consapevolezza.

Se, dopo aver ricevuto la guida, si sottrae tempo alle occupazioni mondane per concentrarsi sui centri sottili, questa è meditazione. La meditazione porta alla gnosi e pavimenta il sentiero della vicinanza con Dio. Quando il ricercatore si distacca da altre occupazioni e si siede in attesa di benedizione, prima o poi comincia ad avvertire qualche attività nel cuore, talvolta sotto forma di calore, talvolta di movimento, altre volte come una sensazione di formicolio. Il ricercatore non deve concentrarsi sulla forma spirituale o sul colore del cuore, perché l’attenzione deve essere rivolta verso l’Essenza Divina, che è al di là di tutte le qualità.

È necessario sedere in meditazione per almeno trenta-quarantacinque minuti, e non è richiesta alcuna particolare postura. All’inizio c’è un precipitarsi di pensieri nella mente del ricercatore; non c’è motivo di preoccuparsene. Hazrat usava dire che noi non stiamo cercando di concentrare i nostri pensieri, com’è la prassi nello yoga e in altre tecniche spirituali. Stiamo cercando di risvegliare il cuore.

Una volta che il cuore si è risvegliato, i pensieri gradualmente diminuiscono. Può accadere che il ricercatore avverta come un andare alla deriva ed entri in una diversa dimensione. C’è differenza tra la deriva e il sonno. La deriva è l’ombra dell’annullamento. Hazrat Shaykh Ahmad Faruqi Sirhindi (r.a.) diceva: “Egli viene e ti porta via”. Nel sonno l’anima è orientata verso il reame inferiore e prende rifugio nel cuore. Nello stato di deriva l’anima è orientata verso il reame superiore e prende rifugio nel sé. Quando il ricercatore è nello stato di deriva, egli non è consapevole dell’essere individuale. In questo stato il ricercatore può anche sperimentare delle visioni (kashf). Essendo possibile che si tratti di proiezioni dei propri pensieri, nessuna importanza dovrebbe essere data a queste esperienze. Hazrat Shaykh Ahmad Faruqi Sirhindi (r.a..) diceva: “Queste esperienze servono solo a compiacere il cuore del ricercatore. La destinazione finale è più avanti”.

Hazrat ‘Ala‘uddin ‘Attar (r.a.) (m. 1400) ha detto che la meditazione è migliore della pratica del ricordo dell’affermazione e della negazione. Attraverso la meditazione è possibile ottenere la stazione della vice-reggenza di Dio nel dominio del mondo fisico e nel mondo dello spirito.

Total
0
Shares
Indietro

Ricordo di Dio (Dhikr)

Avanti

Affinitą spirituale (Nisbat)

Messaggi correlati
Leggi di più

Le pratiche

La meta del Sufismo è lo sviluppo di alcune nobili qualità come la purificazione del sé, la purificazione del cuore, le buone maniere morali, la condizione di fare ciò che è bello (ihsan), la vicinanza a Dio, la conoscenza (ma’rifa),…
Leggi di più

Centri sottili di consapevolezza (Lata’if)

Si pensa generalmente che il corpo umano contenga un solo centro sottile di consapevolezza: la mente o cervello. Ma i più antichi Sufi, attraverso le loro esperienze spirituali, scoprirono altri centri di percezione o sensi interni che chiamarono lata’if (singolare: latifa). Conclusero inoltre,…
Leggi di più

Dove altri finiscono lą segna il nostro inizio

Indiraj al-nihayat fi’l-bidayat, che significa “dove altri finiscono là segna il nostro inizio”, è espressione usata nell’ordine Naqshbandi-Mujaddidi per descrivere una sequenza peculiare di pratiche spirituali. Introdotta dallo Shaykh Baha’uddin Naqshband (r.a.) nel quattordicesimo secolo, è una tecnica ideata per aiutare a…
Leggi di più

Trasmissione spirituale (Tawajjuh)

Molti studiosi considerano come una forma di trasmissione spirituale i tre abbracci dell’angelo Gabriele (as) durante la prima rivelazione al Profeta (s.). Possiamo concluderne che la conoscenza che Gabriele (as) ha apportato da Dio è iniziata con una trasmissione spirituale.…