Mujaddidi

Alla fine del sedicesimo secolo, lo Shaykh indiano Ahmad Farūqi Sirhindi (m. 1624) dell’Ordine Naqshbandi riaffermò l’importanza della Shari‘a nello sforzo di contrastare la diffusione di pratiche non-islamiche tra le cerchie musulmane e Sufi dell’India. Per questo sforzo egli divenne noto come Mujaddid alf-i thani: il “rinnovatore del secondo millennio”.

Grazie al significato di queste riforme negli insegnamenti Naqshbandi, i suoi discendenti spirituali furono conosciuti come un nuovo Ordine, i Mujaddidi. I loro insegnamenti divennero popolari per tutto il subcontinente indiano, e si diffusero fino al Caucaso, al Medio Oriente, all’Asia Minore e oltre.

Total
0
Shares
Indietro

Chishti

Avanti

Naqshbandi

Related Posts
Leggi di più

Naqshbandi

L’Ordine Naqshbandi si dirama dalla silsila Khwajagan, che si era sviluppata originariamente nel Turkestan. Gli Shaykh più noti tra i Khwajagan furono Khwaja Ahmed…
Leggi di più

Chishti

L’Ordine Chisti fu fondato dallo Shaykh Abu Ish’aq (m. 940 o 966). Nativo della Siria, Abu Ish’aq fu inviato dalla sua…
Leggi di più

Qadiri

Lo Shaykh Abd al-Qadir Jilani, nato nel 1077 d.C. a Jilan, in Iran, già padroneggiava le discipline dell’Islam prima di…
Leggi di più

Shadhili

L’Ordine Shadhili prende il nome dallo Shaykh Abu’l-Hassan ash-Shadhili (1196/1197 – 1258 d.C.). Egli nacque a Ghumara, presso Cueta, nel…